Bentornata cara lettrice,

dopo aver affrontato negli articoli precedenti la Dieta del Gruppo sanguigno A e la Dieta del Gruppo sanguigno B, oggi analizziamo la Dieta del Gruppo Sanguigno 0.

Come già sai, queste diete sono state ideate dai Dott. D’Adamo (prima il padre e in seguito il figlio Peter) verso la metà degli anni ’50.
Recentemente, il Dott. Pietro Mozzi (loro seguace), le ha pubblicate in Italia riscuotendo un enorme successo sia il libreria che in televisione (dove partecipa regolarmente ad un programma televisivo).

Alcuni concetti di base da cui hanno preso spunto per elaborare queste diete mi trovano in accordo: la Naturopatia, ad esempio, in cui io credo tantissimo.
Oppure l’impegno del Dott.Mozzi di concentrare i suoi studi sulla prevenzione delle malattie, che è sicuramente un buon approccio alla Dieta intesa come regime alimentare quotidiano per la prevenzione di alcune patologie.

Ciò che mi lascia basita, invece, è ciò che il Dott. Mozzi gridI a gran voce:

“Guarire dalle malattie è possibile” seguendo le sue diete, “i farmaci non servono”.

Su questo punto, non sono affatto concorde: sbandierare ai quattro venti che i medici sbagliano (lui stesso è medico ma si vanta di non aver mai esercitato né prescritto un farmaco in vita sua…) trovo sia davvero “pericoloso” e anche un “tantino” presuntuoso!
In effetti, le diete dei Gruppi sanguigni non hanno nessun fondamento scientifico e sono contestate dal mondo medico e della scienza: vengono addirittura definite pericolose in alcune situazioni di malattia (e sono assolutamente concorde!).

Beh…vediamo comunque cosa dice il Dott. Mozzi in merito al gruppo 0.
Mi sento presa in causa per prima in quanto sia io che mia madre che mio marito apparteniamo a questo gruppo 🙂

Dieta del Gruppo Sanguigno 0 (valida sia per RH+ che RH-)

 

Caratteristiche generali del Gruppo Sanguigno 0

Secondo la teoria del Dottor Mozzi, le persone con gruppo sanguigno 0 hanno le seguenti caratteristiche:

  • Apparato digerente molto robusto

Il loro stomaco produce abbondante acido gastrico che gli permette di digerire con facilità le proteine animali come carne e pesce, anche se con facilità sono soggetti a ulcere e irritazioni.
Recenti studi hanno riscontrato la presenza nell’intestino delle persone di gruppo 0, della fosfatasi alcalina, un enzima che rende ancora più efficiente la digestione di proteine e grassi animali.
Le persone di gruppo 0, non digeriscono bene i cereali (specialmente quelli con il glutine) e i latticini, due alimenti che costituiscono i cardini e le fondamenta dell’attuale dieta Mediterranea (pasta, pane, pizza, latte, formaggi, ecc.) con “gravi ripercussioni sulla salute di chi la segue” (dice il Dott.Mozzi).
Viene loro consigliato di bere una tazza di acqua di cottura calda prima dei pasti, per far sì che lo stomaco si rilassi e si abbia la sensazione di sazietà, evitando di assumere troppo cibo.
Non è’ importante che seguano orari fissi per i pasti principali, ma che seguano le esigenze del proprio organismo e delle loro attività quotidiane (per cui devono tenere gli alimenti pronti in caso di necessità).

Sono intolleranti al Glutine: le lectine del glutine interferiscono con l’attività dell’insulina, rallentando il metabolismo.
Questo, oltre a provocare un aumento di peso, nel lungo periodo può sfociare in patologie più gravi, come il diabete.

P.S. A proposito mi sento in parte concorde e in parte meno.
Per quanto riguarda la carni per esempio non mi rispecchio minimamente in ciò che spiega Mozzi.
Io ho deciso di ridurre al minimo la carne all’interno del mio piano alimentare non solo per un discorso etico, morale e ambientale ma perchè la digerivo davvero male. 
La digestione della carne per me era davvero troppo lunga e laboriosa tanto da consumarla a pranzo e sentirne il sapore salirmi in bocca molte ore dopo.
Limitare fortemente il consumo di carne (ad uno massimo 2 pasti a settimana, 150 gr alla volta) ha di certo giovato alla salute del mio apparato digerente, sia la funzionalità del mio stomaco che del mio intestino sono decisamente migliorate da quando mangio poca carne e quella poca solo biologica e da allevamento a terra.
E per quanto riguarda mio marito si può dir tutto tranne che abbia un “digerente forte”. Anzi lui per primo ritiene che il suo stomaco sia l’organo più debole del suo organismo da quanto era adolescente. Per questo deve stare davvero attento a ciò che mangia.

Quindi la prima parte del discorso di Mozzi non posso certo “sposarla” su di me, per quanto riguarda glutine e latte sono invece d’accordissimo anche se penso fermamente che il discorso non valga solo per il gruppo sanguigno 0.
Penso che l’eliminazione (o la limitazione) di glutine e latte animale per sempre o per un certo periodo (un mese due volte l’anno per esempio) dalla propria dieta, possa giovare a chiunque in quanto abbassa la soglia infiammatoria intestinale.

  • Sistema immunitario reattivo… Io ho una malattia autoimmune dai 17 anni, Dottor Mozzi siamo sicuri sia davvero così ben reattivo il sistema immunitario del gruppo sanguigno 0?! O è solo il mio di sistema immunitario ad aver fatto “flop”?! 🙁

Nel caso le persone appartenenti al gruppo 0 seguano una cattiva alimentazione, i sintomi di malessere possono manifestarsi in tempi molto rapidi, ma hanno anche una capacità di recupero altrettanto rapida.
Sono soggetti a malattie infettive, come la peste, il vaiolo, il colera, il tifo e la malaria.

  • Resistenza allo stress

Sono molto energici e reattivi agli stimoli che ricevono.
Affrontano la vita in modo positivo e reggono lo stress meglio degli altri gruppi sanguigni.

P.S. Anche in questo caso potrei portare una lista infinita di persone appartenenti al gruppo sanguigno 0 molto fragili, poco reattive se non costantemente spronate e che spesso soffrono di depressione o cali dell’umore. Magari ne conosci anche tu?

  • Attività fisica

E’ fondamentale per gli appartenenti al gruppo 0: serve per dar sfogo all’energia che può, in caso contrario, trasformarsi in stress e patologie conseguenti.
Deve essere un’attività fisica intensa e faticosa, perché li aiuta a recuperare energie.

  • Personalità

Gli appartenenti al gruppo 0 sono molto sensibili ai cambiamenti, sono dotati di resistenza, ottimismo e intuizione.
Non tollerano la routine, la monotonia e gli orari fissi.
Sono predisposti al cambiamento, impegnati e coerenti con le proprie idee.

  • Perdita di peso

I cereali come il frumento, i legumi come i fagioli bianchi di spagna o le lenticchie, possono essere la causa del sovrappeso per le persone di Gruppo 0.
Gli alimenti che non dovrebbero mai mancare nella Dieta del Gruppo 0 per migliorare l’energia e ottimizzare il peso, sono la carne, il pesce e le verdure.
E a proposito come ho già detto nei confronti del consumo frequente di carne non mi trovo per nulla concorde, nè per questo gruppo nè per altri.
Gli effetti collaterali “da carne” sono troppi e troppo pericolosi.
A proposito se volessi potresti leggere i miei articoli a riguardo “la dieta iperproteica“, “la carne rossa mi piace da morire“.

Ecco gli alimenti consigliati per le persone di Gruppo 0

CARNE

Dieta gruppo sanguigno 0

Le Proteine della carne sono fondamentali!
Secondo il Dr. Peter J. D’Adamo, chi le consuma in quantità insufficienti mette in pericolo la propria capacità di metabolizzare i grassi, con conseguenze patologiche anche gravi, come diabete e problemi cardiovascolari.
Il Dott.Mozzi le considera il carburante principale e il miglior alimento per combattere le malattie della psiche (ansia, attacchi di panico, depressione e insonnia), la stanchezza cronica e la totalità delle malattie autoimmuni.
La carne è l’alimento principe nella dieta del gruppo sanguigno 0 e non dovrebbe mai mancare…

Non voglio ripetermi ma non mi trovo per nulla concorde.
Lo IARC, l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro, sulla base di 800 studi che correlano il consumo di determinate tipologie di proteine animali con alcune forme tumorali, ha classificato le carni  “lavorate” come cancerogene e quindi causa di cancro (gruppo 1) .
Con un legame segnalato specialmente nei confronti del tumore allo stomaco e del colon-retto.
Le carni rosse invece sono considerate tra le Probabilmente Cancerogene per l’uomo (gruppo 2A).
Nei miei articoli a riguardo “la dieta iperproteica“, “la carne rossa mi piace da morire” ti spiego tutti i motivi per cui riempire la propria dieta di carne per un lungo periodo (o per sempre come consiglia Mozzi al gruppo sanguigno 0) porta a malattie cronico degenerative anche importanti.

Benefici: Agnello, Bresaola di Manzo o Cavallo, Carne secca, Capretto, Capriolo, Cavallo, Cuore, fegato manzo, Montone, Vitello.
Neutri: Anatra, Coniglio, Lepre, Pollo, Gallo, Gallina, Tacchino, Fagiano, Struzzo.
Sconsigliati: Cinghiale, Maiale, Oca, Carni affumicate in genere.

PESCE

ll pesce e i frutti di mare rappresentano una fonte molto importante di proteine, nonché di acidi grassi polinsaturi (Omega-3), fondamentali sia per la prevenzione che per la cura di patologie infiammatorie croniche e malattie autoimmuni.
Contenendo Iodio, il pesce è molto utile per preservare e ristabilire la salute della tiroide.
Il Dott. Piero Mozzi consiglia soprattutto il pesce crudo, in quanto è molto più digeribile di quello cotto.
I vegetariani dovrebbero sforzarsi di consumare pesce (dice il Dott.Mozzi).

Benefici: Aringa, Halibut, Luccio, nasello, Pagello, Persico, Spada, Ricciola, Storione, Salmone fresco, Sardina, Sgombro, Sogliola, Storione, Trota iridea.
Neutri: Acciuga, Anguilla, Aragosta, Calamaro, carpa, cernia, Coregone, Cozze, Gambero, Lumache di terra, Orata, Ostrica, Passera di mare, Rana, Spigola, Tonno, Triglia, Trota salmonata, Vongole.
Sconsigliati: Aringa affumucata, caviale, Palombo, Pesce gatto, polpo, Salmone affumicato, seppia.

P.s. Secondo l’ Organizzazione Mondiale della Sanità questo vale per tutti i gruppi sanguigni: i benefici degli Omega 3 come preventivi nei confronti delle malattie del cuore, dell’ipertensione e come antinfiammatori naturali, non valgono solo per il Gruppo Sanguigno 0, ma per tutti.

Secondo lIstituto dei Tumori di milano, a causa dell’inquinamento dei mari da metilmercurio, diossina e microplastica, il pesce non andrebbe consumato più di 3 volte a settimana e solo di ottima qualità. I pesci maggiormente consigliati sono: il salmone selvaggio, il merluzzo surgelato e il pesce azzurro.

Se vuoi saperne di più ti consiglio di leggere il post Dieta Mediterranea o Dieta per la Massa Magra o ancora, Dieta Anticancro: raccomandazioni sull’alimentazione per la prevenzione dei tumori in cui affronteremo nello specifico l’importanza per salute di consumare il pesce migliore e nelle giuste quantità.

LATTE e UOVA

Le persone di gruppo 0 non dovrebbero mangiare latticini e derivati, perché il loro organismo non riesce a metabolizzarli correttamente.

Dieta gruppo sanguigno 0 alimenti

Oltre a provocare un aumento di peso indesiderato (il latte gonfia e trattiene liquidi) bere latte o mangiare formaggi e derivati, può essere causa di infiammazioni e affaticamento.
Il latte provoca anche una grande produzione di muco, per cui non è raro ritrovarsi a tossire, starnutire o soffiarsi in continuazione il naso dopo aver bevuto una tazza dai latte, o dopo aver mangiato del formaggio.

Secondo il Dott. Mozzi, i latticini sono anche responsabili dello sviluppo di molti Tumori, tra cui quelli al seno, all’utero e all’ovaio nella donna e il cancro alla prostata per l’uomo.
Alcuni latticini come la mozzarella e la feta sono meglio tollerati, ma andrebbero consumati solo ogni tanto e mai tutti i giorni.
Le uova sono invece permesse: da 2 a 5 alla settimana, alla coque, in camicia o strapazzate.

Neutri: Feta, Formaggio di Capra, Mozzarella di latte vaccino e di Bufala.
Sconsigliati: Tutti gli altri latticini, compresi yogurt e Gelati.

P.s. Per quanto riguarda ciò che Mozzi dice di latte e latticini nei confronti del Gruppo Sanguigno 0, secondo il Professor Berrino, il Professor Chiesa e molti medici nutrizionisti (che considerano il latte portatore di muco e un alimento infiammatorio in quanto di difficilissima digestione), vale per tutti i gruppi sanguigni.

OLIO e BURRO

I grassi vegetali non sono sempre tollerati dalle persone che appartengono a questo gruppo sanguigno.
Per esempio, l’olio extravergine d’oliva, anche se sul libro viene considerato un’alimento neutro, ad alcune persone può dare dei problemi.
Lo stesso Dott. Mozzi (il cui gruppo è appunto lo zero) ammette di avere dei disturbi se lo usa per troppi giorni di seguito, soprattutto sulle mani che si lesionano e si spaccano.
L’olio meglio tollerato e consigliato dal Dott. Mozzi nell’alimentazione del gruppo 0, è invece l’olio di vinaccioli (olio di semi d’uva). Peter J. D’Adamo consiglia anche l’olio di semi di lino, ricco di grassi polinsaturi (Omega-3), molto utile per chi deve abbassare i livelli di colesterolo.

Benefici: Olio di Vinacciolo, di Lino, di riso, di semi di zucca.
Neutri
: Burro (meglio crudo), Olio di fegato di merluzzo, di sesamo, di Girasole, di semi di canapa, Extra-vergine di oliva, di Oliva, di soia.
Sconsigliati: Olio di arachidi, di Mais.

SEMI e FRUTTA SECCA

La frutta secca costituisce una fonte di proteine e acidi grassi (Omega-6 ed Omega-3), oltre che di vitamine e sali minerali: soprattutto i semi di lino, un valido rinforzo per il sistema immunitario e le noci, che hanno una potente azione disintossicante su tutto l’organismo.
Il Dott. Mozzi sottolinea come consumare 2-3 mandorle o nocciole, sia un valido aiuto per combattere la tosse, il mal di testa, il naso tappato e il tremitio delle mani.
Però attenzione a non esagerare con la frutta secca, perché un consumo eccessivo potrebbe essere causa di emorroidi infiammate ed Herpes labiale.
La farina ricavata dalla macinazione dei semi oleosi può sostituire egregiamente la farina di cereali per la preparazione dei dolci.

Benefici: Noci e semi di zucca.
Neutri
: castagne, Mandorle, Nocciole, Noci pecan, Semi di Canapa, di Sesamo, di girasole, Burro di Mandorle, di Sesamo.
Sconsigliati: Anacardi, Arachidi e relativo burro, Noci del Brasile, Pistacchi, semi di Papavero.

SOIA

Dieta gruppo sanguigno 0 tabellaE’ un’alternativa al latte vaccino, non tollerato dalle persone del Gruppo 0.
La soia resta un’incognita, dato che questi legumi e tutti i suoi derivati non sempre vengono ben tollerati dalle persone di genotipo 0.
Per cui la compatibilità è da testare singolarmente: se si è affetti da patologie della tiroide il consumo di soia è sconsigliato. Attenzione ai prodotti che contengono OGM.

Neutri: Bevande a base di soia, Tofu, Yogurt di soia.

LEGUMI

I legumi, oltre alle proteine, contengono anche carboidrati (amidi): a differenza dei cereali, non producono un aumento del peso, non causano picchi glicemici, non aumentano la pressione e non causano un aumento del colesterolo.
Per questo motivo il Dott. Mozzi consiglia vivamente di consumare i legumi, elencati tra i benefici ed i neutri, in sostituzione del primo a base di pasta (o di altri cereali), o per la preparazione del pane o di altri prodotti da forno.

Benefici: Azuki, Fagioli dell’occhio.
Neutri
: Borlotti freschi, Ceci, Fagioli Cannellini, neri e rossi, Fagiolini, fave, Lupini, Piselli, Soia gialla e verde, Taccole.
Sconsigliati: Borlotti secchi, Fagioli bianchi di Spagna, Lenticchie.

CEREALI

Cereali, amidi e soprattutto glutine, sono il “tallone d’Achille” (come lo definisce il Dott.Mozzi) delle persone di gruppo 0.
Il peggiore è il frumento, ma anche mais, orzo, kamut e altri (specialmente quelli che contengono glutine) hanno considerevoli effetti negativi sulla salute di queste persone.
In primis sul metabolismo, che viene considerevolmente rallentato, causando un aumento del peso, della glicemia, della pressione e del colesterolo.
Un consumo sconsiderato e costante di cereali può essere causa di fenomeni infiammatori, patologie della tiroide, del fegato e dei reni.

Neutri: Amaranto, Grano saraceno, Miglio, quinoa, Riso (tutti i tipi), Farina di Riso, Tapioca.
Sconsigliati: Avena, Crusca, Cous Cous, Frumento, farro, Facola di patate, Kamut, Mais, Orzo, Segale, Seitan, Semola di grano duro.

P.s. Secondo i più grandi esperti in materia nutrizione, tra i quali il Professor Berrino, i cereali integrali sono un alimento fondamentale per la nostra salute e il nostro dimagrimento.

Inseriti all’interno del pasto in modo “controllato” (es. 60 gr di cereale integrale con 120 gr di legumi o di pesce con verdura) non fanno assolutamente ingrassare (nè causano le patologie di cui Mozzi parla) ma piuttosto, apportano vitamine e sali minerali, energia nel lungo termine e senso di sazietà.

Privarci dei cereali integrali vorrebbe dire rinunciare ad un nutriente importantissimo e superare “il numero massimo” di proteine di cui nutrirci in un giorno (secondo l’ Organizzazione Mondiale della Sanità rappresentano il 20 %).

VERDURA

Le verdure sono una fonte preziosa di vitamine, sali minerali, antiossidanti e fibre.
Un consumo quotidiano consistente di verdure, aiuta l’organismo a prevenire e a contrastare l’insorgere di numerose patologie, per cui è caldamente consigliato accompagnare ogni pasto con un po’ di verdure crude o cotte e possibilmente sempre fresche, biologiche e di stagione.
Dieta gruppo sanguigno 0 ricetteLe persone di gruppo 0 hanno un sangue più fluido rispetto agli altri gruppi sanguigni, per cui più soggette a problemi di coagulazione del sangue: per questo motivo dr. Peter D’Adamo consiglia un maggior consumo di verdure a foglie verdi, ricche di vitamina K, come il cavolo verza, gli spinaci e le cime di rapa.
I carciofi invece sono ottimi per prevenire e contrastare i disturbi del fegato, per migliorare la digestione e per combattere la stipsi.

Benefici: Alghe, Bietole, Broccoli, carciofi, Cavolo verza, Cicoria, Cipolla, Pastinaca, Patati dolci, Porro, Spinaci, Tarassaco, Zucca.
Neutri: Asparagi, Bietola rossa, Carota, Cavolo cappuccio, Finocchio, Porcini, Finferli, Cantarelli, Germogli di soia, Invidia scarola e riccia, Olive verdi, Peperone, Pomodoro, Prezzemolo, Radicchio, Ravanello, Rucola, Scalogno, Sedano, Tartufo, Topinambur, Zenzero, Zucchine.
Sconsigliati: Alfa-alfa, Cavolfiore, Cavolini di Bruxelles, Cavolo rosso, Champignon, Mais, Melanzana, Olive nere, Patate.

FRUTTA

Secondo il Dott.Mozzi “la frutta può essere causa di numerosi dispiaceri per un gruppo 0, soprattutto se consumata in eccesso e fuori stagione” a causa del fruttosio, uno zucchero che sembra essere poco tollerato nella stagione fredda, con ripercussioni soprattutto sulle articolazioni e sui muscoli ( dolori muscolari e articolari, cervicale, mal di schiena, tendinopatie, gomito del tennista, tunnel carpale, artrite, artrosi, ecc.).
La frutta risulta meglio tollerata se viene associata a un pasto a base di carne e di pesce.

Benefici: Fico, Prugna.
Neutri: Albicocche, Ananas, Anguria, Cachi, Cedro, Ciliegie, Datteri, Fichi d’India, Kiwi, Lamponi, Mango, Melograno, Mela,melone giallo, Mirtilli, Papaia, Pere, Pesche, Pompelmo, Ribes, sambuco, Uva, Uvaspina.
Sconsigliati: Arance, Avocado, Gragole, Mandarini, Melone, More, Cocco, Rabarbaro cinese, Mandaranci.

SPEZIE E SIMILI

Dieta gruppo sanguigno 0 cosa mangiare

Molte spezie hanno proprietà medicinali utili per migliorare le funzionalità digestive delle persone di gruppo 0 e per prevenire parecchi disturbi.

Il Naturopata Peter D’Adamo consiglia di integrare la dieta con l’utilizzo di curry e curcuma, entrambe contenenti curcumina, un pigmento con proprietà antinfiammatorie e utile per prevenire patologie infiammatorie croniche, a cui i soggetti di tipo 0 sono maggiormente predisposti.
Spezie aromatiche comuni come timo, origano e rosmarino, oltre a favorire la digestione, aiutano l’organismo a combattere batteri e funghi patogeni come l’Helicobacter Pylori e la Candida.

Benefici: Curcuma, Curry, Pepe di Cayenna.
Neutri: Alloro, aneto, Anice, Basilico, Bergamotto, Chiodi di Garofano, Coriandolo, Cumino, Dragoncello, Erba cipollina, Semi di Finocchio, Menta, Miso, Paprika, Pepe nero, Peperoncino, Rosmarino, Salvia, Sale, Senape senza aceto, Tamari, Timo, Zafferano.
Sconsigliati: Aceto, Cannella, Capperi, Ketchup, Glutammato, Noce moscata, Pepe bianco, Vaniglia.

ERBE, PIANTE e TISANE

Il Dott. Mozzi consiglia lo zenzero che esercita un attività protettiva sulle pareti dello stomaco e aiuta a prevenire disturbi quali il reflusso, il bruciore di stomaco e l’ernia iatale, patologie di cui le persone di gruppo zero sono maggiormente predisposte per via dell’eccessiva produzione di succhi gastrici.
Lo zenzero ha anche spiccate proprietà antinfiammatorie ed antiossidanti, ma è sconsigliato a chi ha problemi di ipertensione.
La liquirizia può risultare benefica poiché contiene sostanze che esercitano un’attività protettiva e antispastica sulle pareti dello stomaco.
Gli estratti e la radice di ortica sono utili  in caso di prostatite e ipertrofia prostatica.
Il biancospino è un rimedio per le persone che soffrono di ipertensione e per chi ha patologie al cuore, ma non può essere assunto in concomitanza con altri farmaci.

Benefici: camomilla romana, Fieno greco, Gelso, Luppolo, Menta piperita,Olmo, Passiflora, Rosa canina, Tarassaco, Tiglio, zenzero.
Neutri: Biancospino, Calendula, Camomilla, Ginseng, Radice di liquirizia, Erba Gatta, Prezzemolo, Salvia, sambuco, Timo.
Sconsigliati: Alfa-alfa, Aloe, Bardana, Barba di granturco, Echinacea, Eucalipto, Iperico, ragola, Genziana, Rabarbaro cinese, Senna, Trifoglio.

DOLCI

Tutti quanti dovrebbero essere consumati con molta moderazione, onde evitare aumento di peso, di pressione arteriosa, di colesterolo e naturalmente anche glicemia.
Chi soffre di allergie a pollini e graminacee dovrebbe evitare lo zucchero di canna, dato che è ricavato proprio da una pianta della famiglia delle graminacee: meglio lo zucchero bianco comune.

Benefici: Carruba.
Neutri: Bevande a base di riso, di miglio, Melassa, Latte di mandorle, Miele, Sciroppo d’acero, Zucchero di barbabietola, di canna.
Sconsigliati: Aspartame, Caramelle, Chewing-gum, Dolci senza zucchero, Fruttosio, Malto-destrine, Malto di mais, di cereali, Sciroppo d’agave, Xilitolo.

P.S. In realtà, lo zucchero bianco (raffinato) consigliato quì, è sconsigliato dal prof. Berrino (e da quasi tutti i nutrizionisti italiani ormai, perchè fa davvero male alla salute!) che ribadisce che andrebbe tolto dalla dieta, come tutti gli altri zuccheri, anche se non raffinati.

“…Non si deve trovare un sostituto, ma abituarsi ai gusti meno dolci…”

La frutta secca, l’uvetta sultanina e le albicocche secche sono ottime per dolcificare naturalmente senza altre aggiunte!

BEVANDE

Dieta gruppo sanguigno 0 bevandeVanno bene il caffè di cicoria, il the verde (molto leggero), il karkadè e alcune tisane alle erbe.
Sarebbe bene evitare i vini troppo ricchi di solfiti, o con gradazioni elevati.
Il caffè è controindicato perché esalta l’acidità gastrica.

Benefici: Acqua naturale non fredda, caffè di cicoria, Tiglio.
Neutri: Birra, camomilla, Karkadè, The verde leggerissimo, Vino bianco e rosso.
Sconsigliati: Bibite dietetiche, gassate, Cola, Caffè, di Ginseng, d’Orzo, Sidro, Superalcolici, Tamarindo, The bianco, nero, deteinato.

SIAMO UNICI! UNICO E’ IL NOSTRO ORGANISMO!

Ormai, se anche hai letto gli articoli sugli altri Gruppi sanguigni, sai bene come la penso: alcuni presupposti di base della Dieta del gruppo Sanguigno 0 ( come quella degli altri gruppi) sono buoni, ma poi ritengo che una serie di Diete “presuntuose” come queste e senza nessun tipo di validità scientifica, lasciano moltissimi lampanti dubbi sulla loro efficacia.
Io per prima, di gruppo sanguigno 0, non mi rispecchio quasi minimamente in questo tipo di dieta 🙁

Il dubbio più grande che ho è questo: non essendoci una persona uguale all’altra, essendo tutti noi diversi per esigenze, caratteristiche, stato di salute…come può essere appropriato e giustificato un regime alimentare che generalizza così evidentemente le persone e presume che solo perché si ha lo stesso Gruppo sanguigno l’organismo risponda nella stessa maniera?

Una Dieta affinchè sia davvero efficace e salutare anche a lungo termine, deve essere assolutamente su misura per ogni singola persona.
Deve essere preparata conoscendo ogni singolo aspetto della persona stessa.

Un caro abbraccio,

Cinzia

Condividi
Cinzia Tarchini
Naturopata, Diet Coach, Esperta in Dimagrimento e Nutrizione e autrice del metodo PerdiPesoConMe!, un metodo unico in Italia per dimagrire con programmi che ti accompagnano giorno per giorno per ritrovare il tuo peso forma. Cinzia Tarchini ha fatto della Naturopatia e della Nutrizione non solo il suo lavoro, ma il suo punto di riferimento per la vita quotidiana. "Il cibo può essere una vera e propria medicina". La mia missione è aiutare le persone a ritrovare il proprio peso forma in modo sano e sereno!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here