Cari Amici e Amiche

chi di voi non ha, almeno una volta, guardato un incontro di tennis? chi di voi non hai mai sentito parlare di un tennista famoso?
Non è un caso che vi faccia queste domande, perché oggi parleremo della Dieta di un campione di tennis: la Dieta Djokovic.

Novak Djokovic fuoriclasse indiscusso del tennis maschile, in un articolo del Wall Street Journal del 30 Luglio 2013, svelava alcune curiosità della sua speciale dieta; queste informazioni sono state riportate dal campione anche nel suo ultimo libro “Serve to Win” (in italiano “Il punto vincente“).

Quale segreto nasconde la dieta di un campione?
A fare il caso di Djokovic è stata l’eliminazione totale del glutine. La cosa particolare, però, è rappresentata dal fatto che Djokovic non è celiaco, quindi non è propriamente allergico alla prolammina, una proteina del glutine, ma è più semplicemente intollerante.

Novak ha cambiato la sua dieta nel 2010, dopo una clamorosa sconfitta,  ed i risultati sono stati subito visibili. Infatti il suo medico e nutrizionista, il Dr. Cetojevic,  ha individuato subito il problema: l’intolleranza al glutine. Ormai è sempre più chiaro più che il sistema gastrointestinale e quello respiratorio lavorano spesso in simbiosi, quindi cambiando dieta, Djokovic non ha avuto più “attacchi d’asma” e adesso è il numero 1 al mondo.

Dieta Djokovic: la filosofia

Novak Djokovic ha attribuito pubblicamente il suo successo ad una nuova dieta priva di glutine.

Ma è nel suo nuovo libro, “Serve to Wine”, il campione racconta molto di più sulla sua alimentazione e sul regime che sta seguendo.

Insomma, tutti dettagli che fin’ora non aveva svelato.

In che cosa consiste la dieta del miglior tennista del mondo?

Vediamo cosa prevede la Dieta Djokovic:

  1. bere molta acqua calda per tutto il giorno,
  2. bere frullati a base di concentrato di proteine di piselli
  3. evitare i latticini
  4. stare lontani dall’alcool durante i tornei
  5. mangiare tanti avocadi, burro di anacardio e pochissimo zucchero
  6. no alla caffeina, tranne quella dell’occasionale barretta energetica prima delle partite
  7. dormire sette-otto ore a notte, meditare, fare tantissimo yoga e tai chi
  8. prendere integratori di melatonina
  9. se hai qualche momento libero, scrivere un diario.

Ma nel suo libro, Djokovic rivela alcune delle sue ossessioni finora nascoste: il miele di manuka della Nuova Zelanda. Si tratta di una costosa e gustosa varietà di miele proviene da api che si nutrono di manuka della Nuova Zelanda, alberi di un genere denso e ramificato che possono crescere in un terreno così povero che non ci cresce quasi nient’altro intorno.

Dieta Djokovic Alimenti

virgolette-aperte-1La prima cosa che faccio quando mi alzo è bere un bicchierone di acqua tiepida. La seconda cosa potrebbe davvero sorprendervi: mangio due cucchiai di miele. Ogni giorno. Anche durante le partite.virgolette-chiuse

 

Queste sono alcune indiscrezioni rilasciate dal campione nel suo libro e che costituiscono dei punti chiave della Dieta Djokovic.

Peter Molan, esperto di miele di Manuka presso l’Università di Waikato in Nuova Zelanda, sostiene da anni che questo miele è noto per avere “eccezionali” proprietà antibatteriche e che è per lo più utilizzato su ferite infette. L’esperto non avrebbe mai immaginato che questo miele potesse giovare tanto ad un tennista.

Nel libro, Djokovic sostiene di bere molta acqua calda, poiché quella fredda rallenta la digestione e “devia il sangue da dove vorrei che rimanesse, nei miei muscoli”.

Ancora nel suo libro racconta del suo primo incontro con il cioccolato dopo un anno e mezzo di pausa. Quando lo ha mangiato? dopo aver battuto Nadal nella finale degli Australian Open 2012, in un incontro durato quasi sei ore, scusate se è poco!.

Il campione ha attribuito i meriti della sua trasformazione a Igor Cetojevic, “un magro, brizzolato e baffuto” nutrizionista serbo che vive a Cipro. Il dottor Cetojevic ha convinto il tennista a rinunciare al glutine con un semplice test: disse a Djokovic di posare la mano sinistra sullo stomaco, tendere il braccio destro e resistere alla spinta del medico sul suo braccio. Quindi il dottor Cetojevic gli diede una fetta di pane e gli disse di tenerla premuta contro il suo stomaco e ripetè il test.


Con l’eliminazione del glutine
, Djokovic afferma di sentirsi adesso più rapido, più flessibile e con una migliore capacità di concentrazione.

Il test gli rivelò una forte intolleranza a grano e ai latticini, quindi Djokovic smise di assumere il glutine per 14 giorni e si sentì subito meglio. Visto questo, il medico eliminò una volta per tutte il glutine ed il campione perse quasi 5 kg.

Da quando ha cominciato la nuova dieta – afferma il campione – “le mie allergie sono diminuite e la mia asma è scomparsa; le mie paure e i miei dubbi sono stati sostituiti dalla fiducia.”

Il libro non tratta solo della dieta e di ricette. Ha anche una parte biografica. Djokovic parla anche del suo interesse per gli insegnamenti della medicina e della filosofia orientali. Una delle sue esperienze preferite, dice, ha coinvolto un ricercatore e due bicchieri di acqua. Il ricercatore ha attribuito l’energia positiva ad un bicchiere (“amore, gioia, felicità”), e l’energia negativa all’altro imprecando (“rabbia, paura, ostilità”). Dopo alcuni giorni, l’acqua negativa si era tinta di verde, mentre quella positiva era ancora chiara.

“Sembra pazzesco, vero?” scrive Djokovic. “Ma per me, quest’esperienza è la prova che ogni singola cosa al mondo condivide lo stesso tipo di energia – persone, animali, elementi, ogni cosa”.

Dieta Djokovic: Djokolife

Il campione propone Djoklife, ma di cosa si tratta?

Djokolife è una linea alimentare studiata sulla Dieta Djokovic e prevede una serie di “superfood”, cioè quei cibi che secondo l’atleta lo hanno reso il numero uno al mondo.

Djokolife è uno stile di vita, sostiene il campione. Oltre all’importanza di fare attività fisica è capire quanto sia fondamentale alimentarsi in modo consapevole. Il benessere psico-fisico infatti nasce da un insieme di fattori, che partono dal cibo e comprendono anche meditazione, stile di vita attivo, ambiente e relazioni.

Quali cibi prevede?

Per ora, in Djokolife, ci sono:

  • biscotti ai 3 semi (sesamo – fonte di minerali; lino – noto per il suo contenuto di Omega3)
  • fette croccanti con farina di riso e avena
  • barrette al sesamo e miele
  • barrette con frutta e cereali
  • una bevanda a base di riso e latte di cocco

Mentre per la pasta ed il riso?
Il campione li consiglia integrali, in quanto secondo lui, i prodotti raffinati non hanno nutrienti.

E la verdura?
Djokovic sostiene che va mangiata quotidianamente.
Il pesce va bene e No alla carne rossa.
Però la linea Djokovic non propone e non proporrà prodotti freschi.

Nel suo libro Djokovic annuncia che ci sono allo studio prodotti senza zuccheri, con grassi di qualità non idrogenati, altri superfood, un preparato liquido per fare barrette a casa. Tutti alimenti senza glutine e senza lattosio.

L’atleta sostiene inoltre che se mangiamo i cibi giusti chiunque è in grado di ottimizzare le proprie prestazione e stare bene.

Dieta Djokovic: No ai cereali!

I carboidrati rappresentano un elemento fondamentale nella nostra dieta, ma sono le fonti da cui li traiamo che sono quelle sbagliate. Ed infatti Djokovic ha eliminato i carboidrati nocivi, sostituendoli con fonti più salutari, come frutta, verdura (sì, ci sono carboidrati nella verdura) e riso, che pur essendo un cereale, non ha il problema del glutine.

Djokovic ha scoperto di essere intollerante al glutine; potresti avere anche tu problemi con il glutine? Vi invito a leggere il mio articolo sulla Dieta Senza Glutine.

I cereali possono danneggiare le tue prestazioni fisiche e atletiche

Il trasporto di ossigeno nel sangue è ostacolato dal glutine. Quando il glutine entra nell’organismo, le varie componenti del sangue tendono ad attaccarsi tra loro, rendendo più difficile per i globuli rossi il trasporto di ossigeno in tutto il corpo.

Se cambi la dieta, modifichi il movimento di ossigeno. Muscoli e organi vengono ossigenati più spesso, facilitando compiti e prestazioni atletiche.

In sostanza, alimenti come pane e pasta, che vengono spesso definiti alimenti di base per un atleta, sono ad alto rischio di essere nocivi per te e per il tuo tennis. 

Potresti anche essere in quel 7% di persone che non accusano nessun sintomo di celiachia mangiando glutine.

Cari Amici spero di esservi stata utile, ci vediamo presto per un nuovo approfondimento e magari, perché no, affronteremo ancora più nel dettaglio la Dieta Djokovic.

Se vi va, condividete questo articolo 🙂

A presto, vi abbraccio forte

Cinzia

Condividi
Cinzia Tarchini
Naturopata, Diet Coach, Esperta in Dimagrimento e Nutrizione e autrice del metodo PerdiPesoConMe!, un metodo unico in Italia per dimagrire con programmi che ti accompagnano giorno per giorno per ritrovare il tuo peso forma. Cinzia Tarchini ha fatto della Naturopatia e della Nutrizione non solo il suo lavoro, ma il suo punto di riferimento per la vita quotidiana. "Il cibo può essere una vera e propria medicina". La mia missione è aiutare le persone a ritrovare il proprio peso forma in modo sano e sereno!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here