Buongiorno Cara Lettrice,
Nel vasto mondo delle diete ne puoi trovare di tutti i tipi e tutte che promettono miracoli!
Oggi analizzeremo nel dettaglio questa dieta, che forse non è conosciutissima al grande pubblico rispetto ad altre, ma è un cult nel mondo del dimagrimento, perchè garantisce risultati in sole 4 settimane: la Dieta Scarsdale.
Affronteremo insieme pro e contro di questo programma alimentare per capire davvero se può ritenersi un buon planning di dimagrimento sano ed equilibrato o meno.
E alla fine vedremo quali sono i 4 semplici passi che ci permetteranno di ottenere un dimagrimento soddisfacente senza eccessive restrizioni alimentari e senza perdere serenità e piacere per la buona tavola.

Dieta Scarsdale base

Cos’è la dieta Scarsdale?

La Dieta Scarsdale (conosciuta anche come SMD, da Scarsdale Medical Diet) è un regime dietetico messo a punto dal dott. Herman Tarnower e dal dott. Samm Sinclair Baker, medici americani che lavoravano nello Scarsdale Medical Center di New York, e poi pubblicato nel loro libro (The Complete Scarsdale Medical Diet plus Dr. Tarnower’s lifetime keep-slim program).
I due medici fecero studi sui reduci dal Vietnam, notando che i militari avevano un ridotto rischio cardiovascolare rispetto alla media della popolazione, e collegarono questo al regime povero di grassi e ipocalorico all’alimentazione che dovettero sostenere in guerra.

La Dieta Scarsdale si basa sul concetto “Molte Proteine, Pochi Carboidrati”: una dieta low-carb (vedi l’articolo sulla Dieta Dukan e sulla Dieta proteica: i possibili rischi di una dieta povera di carboidrati).
Questo protocollo alimentare si compone in questo modo:

  1. Due settimane di dieta, da seguire alla lettera.
  2. Due settimane “post-dieta”, leggermente più “morbida”.
  3. La fase di stabilizzazione (detta Keep Trim Phase), per alcuni aspetti simile alla post-dieta, che non prevede pasti strutturati in modo vincolante, e permette di consumare una varietà di cibo maggiore ma comunque con un minimo d’attenzione, con l’ obiettivo di non riprendere i chili persi.

In 4 settimane si promette una perdita di peso di circa 400-500 gr al giorno (circa 3 chili alla settimana di peso perso). Sì avete letto bene, 3 chili a settimana… E senza voler necessariamente fare un commento al negativo di questo protocollo dico che mi sembrano decisamente troppi per poter parlare di dimagrimento salutare … Sono i tipici risultati di un dimagrimento molto repentino come quelli previsti da una dieta iperproteica.

E’ stata ideata anche una versione vegetariana della Dieta Scarsdale, basata sul consumo di proteine vegetali derivate dalla soia ed una con “ budget ridotto” che prevede l’impiego di alimenti poco costosi appartenenti al regno vegetale.

La ripartizione dei macro-nutrienti prevista da questo regime alimentare è: 43% proteine, 22,5% di grassi e 34,5% di carboidrati.

Confrontiamola con altri tipi di diete.

Carboidrati Proteine Grassi
Dieta Scarsdale

Dieta pro-zona

Dieta tradizionale

Dieta vegetariana

34%

40%

70%
80%

43%

30%

15%
10%

22%

30%

15%
10%

Le regole base della Dieta Scarsdale

Dieta Scarsdale quanto si perde

Le 10 regole fondamentali da seguire alla lettera ai fini del funzionamento della dieta:

  1. Mangiare esattamente ciò che viene riportato nella dieta: gli alimenti non devono essere sostituiti.
  2. Non fumare e non bere bevande alcoliche.
  3. Fuori pasto mangiare solo carote e sedano crudi (senza limiti di quantità).
  4. Le uniche bevande consentite sono caffè nero, caffè normale o caffè decaffeinato, tè; acqua tonica (è permesso aggiungere il limone se gradito), acque toniche di qualsiasi gusto.
  5. Come condimenti si devono utilizzare soltanto limone o aceto, o condimenti come la vinaigrette o la senape: non si devono utilizzare né olio né maionese né altri condimenti ricchi.
  6. Cuocere le verdure senza burro, margarina o altri grassi: è permesso solo il limone.
  7. La carne deve essere magra e si deve togliere tutto il grasso. Si devono togliere pelle e grasso anche al tonno.
  8. Non è necessario mangiare tutto ciò che è elencato nella dieta, ma non è permesso fare sostituzioni o aggiunte: le combinazioni suggerite dovrebbero essere rispettate.
  9. Non si deve sovraccaricare il proprio stomaco: quando si è sazi si deve smettere di mangiare.
  10. La dieta non deve essere prolungata per più di 14 giorni per evitare che il fisico si abitui alle dieta o per evitare effetti collaterali della stessa. Possiamo ben dire che proponendo una dieta prevalentemente proteica, si sconsiglia di prolungare i giorni di sole (o quasi) proteine.

Se una persona desiderasse praticare attività sportiva, si consiglia di farlo in molto moderatamente, perché con la restrizione calorica, la pratica sportiva potrebbe risultare molto più impegnativa, ci si potrebbe sentire particolarmente stanchi o privi d’energia.

Viene fornito, quindi, un piano dietetico giornaliero da seguire rigorosamente per le 4 settimane.
Nella versione originale della Dieta Scarsdale venivano quantificati l’apporto calorico e la ripartizione degli alimenti: ad oggi il piano non specifica le quantità.
Sono alimenti ad alto contenuto proteico e basso contenuto di grassi e carboidrati, per questo motivo è quasi impossibile “abbuffarsi” e la libertà che viene data sulle porzioni illimitate, conta sul fatto che in realtà difficilmente si può abusare nelle quantità in una dieta di questo tipo.

Alimenti concessi nella dieta Scarsdale

Dieta Scarsdale alimenti

Ecco la lista di ciò che puoi mangiare:

  • Carni: tutti i tagli magri di vitello, manzo, agnello, maiale privati del grasso visibile e cotti senza l’aggiunta di grassi; prosciutto cotto o crudo sgrassati, bresaola.
  • Pollo e tacchino: privati della pelle e del grasso visibile e cotti senza grassi.
  • Pesce: tutti i tipi, sia fresco che surgelato, ad eccezione del pesce in scatola con salse.
  • Crostacei, molluschi e frutti di mare.
  • Uova: non più di tre alla settimana e cotte senza grassi (es. uova alla coque, sode, all’occhio di bue, in camicia, strapazzate oppure impiegate per semplici frittate senza altri ingredienti).
  • Formaggi: formaggi freschi e semi-stagionati preferibilmente a ridotto contenuto di grassi (solo eccezionalmente, anche formaggi più calorici).
  • Verdure: tutti i tipi, sia crude che cotte, in quantità abbondanti.
  • Frutta: (es. mele, pere, arance, pere, prugne, susine, uva, ciliegie, albicocche, meloni, anguria…).
  • Succhi di frutta: (es. di mela, uva, arancia…) e verdura (es. succo di pomodoro) senza zuccheri aggiunti.
  • Frutta secca: (es. noci, nocciole, noci pecan, anacardi, mandorle…) con estrema parsimonia.
  • Condimenti: limone o aceto.
  • Erbe, aromi e spezie: a volontà.

Alimenti vietati nella Dieta Scarsdale

Nella lista degli alimenti vietati troviamo tantissimi alimenti ricchi di zuccheri e carboidrati, come:

  • Pasta.
  • Riso.
  • Patate.
  • Fagioli.
  • Lenticchie.
  • Piselli.
  • Pesci grassi come Anguilla, Salmone e Sgombro.
  • Condimenti grassi come panna, burro, olio.
  • Zucchero e miele.
  • Latte.
  • Bevande gassate.
  • Condimenti come ketchup, maionese, salsa BBQ,…
  • Frutta troppo zuccherina come: banane, fichi, cachi.
  • Frutta disidratata come albicocche secche, datteri, fichi secchi, uvetta.

Un Dieta Scarsdale base

COLAZIONE
La colazione prevede sempre frutta di stagione a ridotto contenuto di zuccheri come arance o pompelmo + 1 fetta di pane integrale o pane alle proteine + un caffè o tè senza zucchero.

PRANZO
E’ possibile scegliere alimenti ricchi di proteine magre come una porzione di carne magra senza grasso tipo tacchino, vitello o pollo + un contorno di verdure senza nessun condimento vietato + un caffè senza zucchero o con dolcificante.

CENA
Vale la stessa guida del pranzo: una porzione di pesce come salmone o tonno (se in scatola solo al naturale) o crostacei senza condimenti. I grassi sono vietati. Oppure una porzione di formaggio magro + un contorno di verdure senza nessun condimento + una fetta di pane integrale (max 2 al giorno) + un frutto a scelta + un caffè senza zucchero o con dolcificante.

Regole per il mantenimento dopo la Dieta Scarsdale

  • Non utilizzare zuccheri (saccarosio, fruttosio, malto…) ma, piuttosto, dolcificanti senza calorie (es. prodotti a base di aspartame, sodio ciclammato…).
  • Evitare il consumo di panna e latte intero; meglio quello parzialmente scremato o scremato.
  • Evitare gelati e dolci contenenti zuccheri o grassi derivati dal latte.
  • Consumare solo sporadicamente, e in quantità limitate, torte, biscotti, gelatine di frutta, cioccolata, caramelle, marmellate e dessert.
  • Evitare i tagli di carne grassi e gli insaccati.
  • Non utilizzare salse (es. maionese, salsa tonnata, salsa cocktail…), margarine, grassi di origine animale (burro, lardo, strutto) o burro di arachidi.
  • Limitare i condimenti a piccole quantità di olio extravergine di oliva.
  • Evitare la frutta contenente elevate quantità di lipidi (es. avocado), quella eccessivamente zuccherina e moderare le quantità di frutta secca consumata.

I vantaggi della Dieta Scarsdale

Come in tante dieta, anche qui abbiamo alcuni aspetti positivi per cui intraprenderla:

  • E’ semplice da seguire, purchè si ami mangiare soprattutto proteine animali.
  • E’ veloce, perché in 4 settimane garantisce una perdita di peso molto importante.
  • C’è una varietà di alimenti abbastanza ampia e senza limiti di consumo.

I pericoli della Dieta Scarsdale

Dieta Scarsdale funziona

Ti ho raccomandato con estrema attenzione anche negli altri articoli delle Diete low-carb che sono regimi alimentari che mettono seriamente a rischio la tua salute.
Nel caso specifico della Dieta Scarsdale:

  • E’ un regime alimentare acido:
    la quantità eccessiva di proteine che viene assunta quotidianamente, potrebbe favorire la produzione di una dose eccessiva di scorie metaboliche acide che il corpo non riesce ad eliminare generando l’acidosi, un sovraccarico e accumulo di sostanze acide nell’organismo con relativo squilibrio acido-base nel nostro corpo che a lungo andare potrebbe creare problemi di salute.
  • Ripartisce i macronutrienti in modo sbilanciato
    verso le proteine (43%), a scapito di carboidrati (34,5%) e grassi (22,5%).
  • E’ assolutamente sconsigliata se pratichi attività fisica,
    a causa del basso apporto di calorie.
  • È controindicata per le donne in gravidanza, per gli adolescenti
    e per chi abbia particolari problemi di natura fisica o particolari esigenze dietetiche!
  • Alla perdita di peso è legata la perdita di massa muscolare, la riduzione delle riserve glicemiche e dei liquidi:
    rischi la disidratazione e hai la assoluta certezza che una volta tornata ai regimi alimentari abituali riprenderai tutti i chili persi!

Mia cara amica,
Una dieta che ti porti a dimagrire, deve essere equilibrata e bilanciata, perché non deve rappresentare un solo, circoscritto, momento della tua vita, mirato a perdere qualche chilo di troppo per poi tornare alle tue vecchie abitudini alimentari.

Il nuovo regime alimentare deve diventare il tuo nuovo stile di vita, qualcosa di costruttivo per il tuo benessere futuro!

Nei programmi PerdiPesoConMe:

  • Ti insegnerò a mangiare bilanciando le giuste associazioni alimentari in pasti molto, molto piacevoli e gustosi.
    Questo perchè ciascun cibo a seconda dell’alimento con cui viene servito nello stesso piatto assume un valore biologico diverso.
    Un esempio molto semplice?!
    Ultimare il pasto con un pezzo di cioccolato alla fine di un pasto che è stato “Aperto” con un’insalata con spicchi di pesca o frutti rossi e un’ottima vinagrette.
    E poi è proseguito con una delle tantissime ricette sfiziose a base di pesce e contorni del nostro ricchissimo ricettario on line e un panino integrale.
    Questo pezzo di cioccolato non creerà alcun ostacolo al nostro dimagrimento, perchè è stato integrato nel pasto in modo ottimale! 🙂 
    Lo stesso pezzo di cioccolato se mangiato a metà pomeriggio provocherà invece aumento di peso 🙁
    Questo perchè nel primo caso la verdura e le proteine magre del pesce abbasseranno indice e carico glicemico complessivo del pasto, senza creare picchi insulinici. Nel secondo caso invece nessun cibo (avendo mangiato il cioccolato da solo o magari insieme ad un altro carboidrato) potrà “venirci in aiuto” e il picco glicemico seguito dal picco insulinico non potrà che trasformare quel pezzo di cioccolato in adipe.
  • Ti insegnerò come cucinare e poterti gustare anche i piatti della tradizione tipicamente più calorici, semplicemente abbinandoli nel modo giusto!
    Persino la pizza se il pasto viene “Aperto” con un bel piattone di verdura grigliata e la si sceglie integrale, con una farcia proteica fatta di mozzarella e doppio prosciutto cotto o doppi frutti di mare (o addirittura come faccio io usando anche dei legumi come farcitura) non sarà più un alimento ingrassante! Ovvio, meglio se la crosta impari piano piano a lasciarla da parte, questo gesto renderà la tua pizza immediatamente meno calorica! 🙂
  • Non di meno mi occuperò di tutti quei sentimenti al negativo come la rabbia, la frustrazione, la noia, la paura o il senso d’inferiorità che ti inducono a mangiare non per fame, ma per placare queste emozioni che non ti fanno sentire serena e in pace con te stessa e con chi ti circonda.
    E il meraviglioso mondo della medicina naturale e della fitoterapia ci aiuterà incredibilmente in questo nostro obiettivo!
    Un esempio?!
    La tintura madre di Tilia Tormentosa
    assunta 40 gocce per 3 volte al dì in un dito d’acqua naturale ti rasserenerà naturalmente e ti aiuterà incredibilmente a tenere a bada la fame nervosa, emotiva e bulimica. 
  • In questo modo potrai portare avanti anche dopo la dieta un buonissimo percorso di mantenimento, che ti permetterà di non recuperare i chili persi, ma di mantenere il tuo giusto peso per sempre!
    E la giusta serenità e armonia con te stessa per sempre.

    Questa è la differenza fondamentale rispetto ad una dieta molto macchinosa e meno equilibrata che viene di certo vissuta da tutti come una fase “limitata” della propria vita, come un breve periodo restrittivo, ma che non potrà mai essere trasformata in un modus vivendi felice ed appagante che duri per sempre!

Come sempre, cara amica, un abbraccio e a presto! ?

Cinzia

Condividi
Cinzia Tarchini
Naturopata, Diet Coach, Esperta in Dimagrimento e Nutrizione e autrice del metodo PerdiPesoConMe!, un metodo unico in Italia per dimagrire con programmi che ti accompagnano giorno per giorno per ritrovare il tuo peso forma. Cinzia Tarchini ha fatto della Naturopatia e della Nutrizione non solo il suo lavoro, ma il suo punto di riferimento per la vita quotidiana. "Il cibo può essere una vera e propria medicina". La mia missione è aiutare le persone a ritrovare il proprio peso forma in modo sano e sereno!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here