Buongiorno mia Cara!

Hai iniziato il tuo percorso di dimagrimento con una dieta e in queste calde giornate estive vuoi praticare attività fisica per modellarti e tonificarti, ma senza soffrire il caldo e affaticarti troppo?! 🙂
Allora ti consiglio di dimagrire nuotando: è uno sport divertente, rinfrescante e che puoi praticare anche all’aperto!

Perdere peso nuotando

Il nuoto permette di bruciare molte calorie, proprio perché coinvolge la muscolatura per intero, nessun muscolo non viene sollecitato nuotando: ecco perché può essere un ottimo coadiuvante in un percorso di dimagrimento!

Pensa che in 10 minuti di nuoto si bruciano circa 60 calorie. In un’ora più di 400!

Nuotando a farfalla puoi addirittura consumare 150 calorie in soli 10 minuti!

Questo vuol dire che puoi veramente perdere peso nuotando e restare in forma, divertendoti! Se pratichi il nuoto i risultati in rassodamento, modellamento e definizione muscolare saranno visibili ad occhio nudo!

Continua a leggere questo articolo e troverai consigli molto utili che ti aiuteranno a comprendere la pratica del nuoto e ad approcciare a questo sport in maniera divertente ed efficace! Ed inoltre diversi consigli di bellezza per avere gambe mozzafiato!

Quali sono i benefici del nuoto sull’organismo?

  • E’ un’attività aerobica:
    Cioè un’attività di resistenza che favorisce la perdita di peso perché sono prevalentemente i grassi (lipidi) ad essere utilizzati come carburante dal tuo corpo e quindi, bruciati velocemente!
    Nell’articolo perdere peso in palestra, spiego dettagliatamente questo concetto.
  • L’esercizio aerobico del nuoto può aiutarti a mantenere il colesterolo nei livelli ottimali e le arterie in buona salute.
  • Accresce forza e tono muscolare:
    E’ fortemente consigliato alle donne entrate in menopausa e in ogni caso di atonia.
  • L’apparato cardio-respiratorio acquista resistenza e vigore nel tempo:
    Secondo l’American Heart Association, 30 minuti di attività fisica quotidiana, nuoto compreso, aiutano a ridurre il rischio di patologie cardiache.
  • Tonifica i muscoli della schiena:
    Favorendo una corretta postura e prevenendo dolori a carico della cervicale, del dorso e dei lombi.
  • Il massaggio dell’ acqua favorisce la riduzione della cellulite:
    Il nuoto insieme alla bicicletta e alla ciclette è il miglior sport anticellulite per eccellenza!
  • Consente un allenamento costante su tutto il corpo:
    Senza impatto sull’apparato scheletrico in quanto in acqua il corpo sembra molto più leggero, per cui i movimenti sono più semplici, permette di allenarsi per un tempo più lungo senza il sopraggiungere di stanchezza muscolare o formazione di acido lattico.
  • Il nuoto aziona e tonifica muscoli che con altri sport non verrebbero sollecitati:
    Come detto sopra nessuna fascia muscolare non viene sollecitata in una lezione di nuoto in cui si alternano lo stile libero, il dorso e la rana (e se sai nuotare anche a delfino, la tua schiena si modellerà e scolpirà magnificamente).

Che cosa mi serve per praticare nuoto senza problemi?

  1. RISCALDAMENTO
    Sono sempre consigliati esercizi di stretching e di respirazione prima dell’immersione in acqua: sono fondamentali per sciogliere i muscoli e per evitare eventuali infortuni.
  2. TAPPI PER LE ORECCHIE
    Per evitare che l’ acqua ti entri nei padiglioni auricolari e possa far insorgere problemi.
  3. TAPPI PER IL NASO
    Onde evitare che nuotando ti entri acqua nel naso.
  4. OCCHIALINI DA PISCINA
    Migliorano la visione sott’ acqua e prevengono irritazioni agli occhi.
  5. ACQUA DA BERE
    Tieni sempre a bordo vasca una bottiglietta di acqua: durante l’allenamento, soprattutto se intenso, il corpo ha bisogno di idratazione.

Un consiglio di bellezza “post nuotata”

Una volta ultimata la tua sessione di nuoto, quando il microcircolo sottocutaneo è particolarmente recettivo in quanto hai appena svolto attività fisica, massaggia la tua pelle con un Guanto di Crine. 
Il Guanto di Crine lo puoi acquistare in erboristeria, parafarmacia o in un supermercato ben fornito di articoli per la cura della persona. Costa pochissimo ed ha proprietà straordinarie come esfoliante e anticellulite!

Frizionalo soprattutto sull’addome, sui fianchi e sulle parti maggiormente interessate da cellulite dei tuoi glutei, delle tue cosce e delle tue gambe.
Il tessuto si arrosserà ma non temere, stai semplicemente aiutando la tua cute a vascolarizzarsi e ossigenarsi!
E un miglior apporto di sangue, ossigeno e nutrienti a livello cutaneo vuol dire meno cellulite e un tessuto più compatto e omogeneo!

Dopo il profondo scrub con il tuo Guanto di Crine applica dell’Olio di Mandorle bio su tutto il tuo corpo, dal seno fino alle caviglie. Questo renderà la tua pelle precedentemente esfoliata liscia come un guanto di seta 🙂
E volendo ultimare il tuo “trattamento cellulite d’urto” al meglio, applica sulle zone cellulitiche alcune gocce di olio essenziale anticellulite. 

Vediamo qui sotto quale siano i migliori 🙂

Oli essenziali contro la cellulite ideali da applicare dopo l’attività fisica

  • Olio essenziale di ginepro:
    Utilissimo contro ritenzione idrica, migliora l’attività circolatoria sanguigna e linfatica.
    L’ideale è applicarne 2,3 gocce a livello delle stazioni linfatiche dell’arto inferiore (quindi inguine, cavo popliteo ossia dietro le ginocchia e caviglie), ed effettuare dei movimenti “di pompaggio”, d’apertura.
    Poi svolgere un massaggio di drenaggio molto lento dal basso verso l’alto, dai piedi fino all’inguine, immaginando di accompagnare le tossine delle tue gambe verso il più grande centro di “raccolta scorie” del tuo organismo rappresentato dalla stazione linfatica inguinale.
    Questo rappresenta un vero e proprio trattamento anticellulite (scrub con Guanto di Crine + il massaggio con olio come appena descritto) che puoi fare da sola anche 2,3 volte a settimana e che ti potrà dare ottimi risultati, provare per credere!
  • Olio essenziale di limone:
    Stimola la circolazione sanguigna periferica e il tessuto cutaneo: è un ottimo energizzante e antiage per la tua cute!
    Unisci 15 gocce d’olio essenziale di limone ad ogni 50 ml d’olio di Mandorle bio e usalo per il massaggio di tutto il corpo.
    La tua pelle in poche applicazioni riacquisterà turgure e splendore!
  • Olio essenziale di pompelmo:
    Il suo profumo riduce l’appetito aiutando la persona durante la dieta dimagrante. Riattiva il metabolismo e rassoda i tessuti.
    Aiuta inoltre ad eliminare le tossine dai tessuti, supportando il sistema linfatico.
    Apri la boccetta dell’olio essenziale e inala per 30 secondi il suo profumo (questo ti aiuterà a controllare la fame) e ripeti l’inalazione ogni qual volta avrai attacchi di fame nervosa o emotiva.
    Unisci 15 gocce d’olio essenziale di pompelmo ad ogni 50 ml d’olio di Mandorle bio, stendilo uniformente sull’area del tuo corpo che vuoi trattare in quanto particolarmente piena di tossine o atona, e svolgi un massaggio riattivante mantenendo le mani a coppetta. Alterna i “picchiettamenti” con le due mani (prima l’una e poi l’altra in veloce succesione) mantenendo la posizione a coppetta, per alcuni minuti, per ogni zona cellulitica o da rassodare.
  • Olio essenziale di geranio:
    Ricco di geraniolo, un massaggio con questo olio si rivela molto utile per favorire la cicatrizzazione dei tessuti (ottimo per le smagliature!!!), per rassodare i tessuti, come astringente e come stimolante per la circolazione sanguigna.
    Applica 2,3 gocce su di ogni zona interessata da smagliature e svolgi sulla stessa un massaggio riattivante con il Guanto di Crine (ma senza essere troppo aggressiva, le smagliature sono molto delicate).
    Attiverai il microcircolo sottocutaneo nelle zona fisiologicamente poco irrorata e ossigenata della smagliatura, contribuendo a renderla meno visibile.
    Inoltre se soffri di smagliature ricorda di idratare quotidianamente la tua cute con prodotti fortemente idratanti ed emolienti quali l’Olio di Mandorle, di Jojoba, d’Argan o di Semi di Vinaccioli.
  • Olio essenziale di rosmarino:
    Migliora il microcircolo, contribuisce al trattamento della cellulite e rivitalizza i tessuti. Aiuta inoltre a migliorare la risposta dell’organismo allo stress.
    Apri la boccetta dell’olio essenziale e inala per 30 secondi il suo profumo (questo ti aiuterà a rilassarti, a sconfiggere lo stress) e ripeti l’inalazione ogni qual volta ti sentirai particolarmente nervosa o stanca.
    Unisci 15 gocce d’olio essenziale di rosmarino ad ogni 50 ml d’olio di Mandorle bio, e usalo per un piacevole massaggio aromatico e riattivante insistendo specialmente con frizioni e impastamenti dove il tessuto è maggiormente interessato da cellulite infiltrata.
  • Olio essenziale di cipresso:
    Olio dalle proprietà diuritetiche e drenanti, è anche un ottimo vasocostrittore indicato per il trattamento delle gambe stanche e come stimolante della circolazione periferica.
    L’ideale è applicarne 2,3 gocce a livello delle stazioni linfatiche dell’arto inferiore (quindi inguine, cavo popliteo ossia dietro le ginocchia e caviglie), ed effettuare dei movimenti “di pompaggio”, d’apertura.
    Poi svolgere un massaggio di drenaggio molto lento dal basso verso l’alto, dai piedi fino all’inguine, immaginando di accompagnare le tossine delle tue gambe verso il più grande centro di “raccolta scorie” del tuo organismo rappresentato dalla stazione linfatica inguinale.
    Se eseguito giornalmente i risultati saranno visibili ad occhio nudo!E dopo alcuni consigli di bellezza vediamo quale sia lo stile migliore per rimettersi in forma nuotando 🙂

 

Qual’è lo stile migliore per dimagrire nuotando?

Programma per perdere peso nuotando

Ufficialmente sono riconosciuti 4 stili, ognuno dei quali è mirato a far lavorare e tonificare determinati muscoli:

  1. STILE LIBERO (CRAWL)
    E’ il primo stile che abbiamo imparato da piccoli: il più propulsivo e veloce.
    Permette di stancarti meno e percorrere distanze più lunghe.
    Sei in acqua a pancia in giù e muovi le braccia una per volta inarcandole e respirando lateralmente (il viso è immerso nell’acqua e ogni 3 bracciate devi respirare).
    Le gambe si muovono su e giù velocemente.
    Lavorano soprattutto braccia e spalle, ma se indossi le pinne puoi tonificare anche gambe e glutei.
  2. DORSO
    Sei supina in acqua, col capo rivolto verso l’alto.
    Il movimento è un po’ come lo stile libero, ma rovesciato: le braccia protese sopra le spalle, circolano una alla volta all’indietro e le mani “a cucchiaio” cercano di prendere l’acqua.
    Le gambe leggermente piegate sono ferme e i piedi si muovono su e giù alternatamente.
    Vengono coinvolti muscoli addominali e pettorali; tonifica i glutei e contemporaneamente i muscoli della schiena.
  3. RANA
    I movimenti prendono spunto proprio dall’animale da cui ha preso il nome lo stile.
    Sei in acqua a pancia in giù e le braccia parallele si muovono verso l’esterno come a formare un cuore e ritornano semi-distese come nella posizione iniziale.
    Al termine di ogni movimento alzi leggermente la testa per respirare.
    Le gambe si inarcano contemporaneamente al movimento delle braccia e i piedi si piegano per spingere il corpo nell’acqua.
    Lavori coinvolgendo i muscoli della schiena e l’interno coscia, tonifichi le braccia e i pettorali.
  4. DELFINO
    Richiede una perfetta coordinazione tra gambe e braccia.
    A pancia in giù, il movimento delle gambe allineate è esclusivamente ondulatorio.
    Le braccia in contemporanea si muovono roteando all’indietro sino ad uscire dall’acqua e a permettere alla testa di alzarsi per respirare.
    Questo stile mira a scolpire la muscolatura e sviluppare forza fisica: tonifica addominali, petto, spalle e braccia.

Attrezzi per concentrare il lavoro su muscoli specifici

Ti ho accennato all’uso delle pinne per tonificare gambe e glutei durante lo stile libero.
Sai che puoi avvalerti di appositi attrezzi, per lavorare su parti specifiche del corpo?

TAVOLETTA
Concentri l’attività sulle gambe.

PULL-BUOY
E’ un attrezzo galleggiante da tenere in mezzo alle cosce: aumenta il galleggiamento delle gambe permettendoti di concentrare il lavoro solo sulle braccia.

PINNE
Puoi usarle per nuotare a dorso o stile libero, anche accoppiate all’uso della tavoletta. Accentuerai il lavoro delle gambe, tonificandole.
Le pinne ti permettono di nuotare più velocemente, impegnando i maggiori gruppi muscolari e quindi migliorando l’allenamento cardiovascolare.

PALETTE
Le fissi ai palmi delle mani, aumentando in questo modo la superficie dell’acqua che deve essere spostata a ogni bracciata.
Concentrerai il lavoro sulla parte superiore del corpo.

“Solo allenandoti con moderazione puoi dimagrire efficacemente per tonificare e snellire la tua muscolatura”

Perdere peso facendo nuoto
Programma tipo per perdere peso col nuoto

Ecco un esempio di programma di nuoto che puoi seguire:

Prime due settimane:

Esegui 10-15 vasche (25 metri ciascuna) alternando i 3 stili: libero, dorso e rana.
Non rimanere in acqua per più di 30 minuti a sessione ed esegui correttamente tutti e tre gli stili.

Terza e quarta settimana:

Aumenta il numero di vasche e arriva a 22-24 vasche.
In 45 minuti cerca di eseguire otto vasche per ogni stile.

Secondo mese:

I minuti di allenamento per sessione saranno 45 e 32 le vasche ma l’obiettivo sarà quello di ridurre il tempo di recupero tra una vasca e l’altra migliorando la resistenza e la respirazione.

Avrai così adottato una nuotata più veloce e sicura!

Una volta acquisito resistenza, metodo e ritmo non ti resterà che continuare ad eseguire sedute di allenamento per complessivi 40 minuti.

E se io non so nuotare?

Se non sai nuotare e non hai voglia di iscriverti ad un corso che te lo insegni, ma ti piace l’acqua e l’idea di poter fare sport nell’acqua, ti consiglio qualcosa di comunque molto valido per modellare le tue gambe e tonificarle alla grande 🙂

Acquista una tavoletta per il nuoto in un negozio d’articoli sportivi. Non spendere soldi inutili, anche una normalissima tavoletta a basso costo andrà benissimo.
Entra nell’acqua della piscina e afferra la tavoletta con le due mani e ponila davanti a te: la tavoletta dovrà precederti e tenerti a galla. Se non sai nuotare ti consiglio comunque di stare nell’acqua bassa e che qualcuno di tua fiducia possa sempre vederti mentre nuoterai.

Riuscirai a spostarti nella piscina, facendo le tue vasche, muovendo le gambe come si fa con lo stile libero o come si fa con la rana (sopra, nel paragrafo in cui spiego i diversi stili potrai capire meglio come, se non lo hai presente) ma sempre con le mani aggrappate alla tua tavoletta. Le braccia saranno a riposo, la testa totalmente fuori dall’acqua, ma le gambe lavoreranno alla grande!
E credimi che se piano piano, con allenamento, dovessi riuscire a nuotare con le sole gambe per un’oretta di seguito alternando “gambe a stile” e “gambe a rana” i risultati in modellamento e rassodamento delle tue cosce e dei tuoi glutei saranno eccezionali!

Quindi… Cosa aspetti cara amica?!
Hai voglia ora di iniziare?!

Sono certa che otterrai ottimi risultati: potrai perdere peso con il nuoto e avere un corpo sano, modellato e tonico! I benefici che riscontrerai saranno a 360°: tonificazione, benessere fisico e psicologico!

Perdere peso col nuoto

Scegli di fare sport per trarne un beneficio completo: scegli il nuoto!

Sperando di esserti stata utile, ti dò appuntamento al prossimo articolo!
Un abbraccio e a presto!

cinzia tarchini

Condividi
Cinzia Tarchini
Naturopata, Diet Coach, Esperta in Dimagrimento e Nutrizione e autrice del metodo PerdiPesoConMe!, un metodo unico in Italia per dimagrire con programmi che ti accompagnano giorno per giorno per ritrovare il tuo peso forma. Cinzia Tarchini ha fatto della Naturopatia e della Nutrizione non solo il suo lavoro, ma il suo punto di riferimento per la vita quotidiana. "Il cibo può essere una vera e propria medicina". La mia missione è aiutare le persone a ritrovare il proprio peso forma in modo sano e sereno!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here