Buongiorno care amiche!

Noi donne ci ritroviamo ad un certo punto della vita a dover affrontare quello che è un cambiamento all’interno del nostro corpo ed è una cosa del tutto naturale!
Parlo ovviamente della Menopausa.

Menopausa cosa mangiare

La menopausa

Nel mio articolo Perdere peso in Menopausa e Perdere peso a 50 anni ti ho parlato a lungo di questo argomento voglio ancora sottolinearti una cosa importantissima:

entrare in menopausa non è una tragedia, non è una malattia!

Si tratta semplicemente di un evolversi del nostro corpo: le mestruazioni si interrompono e il tuo corpo si modifica.
Non è una fase da vivere tragicamente: rimani sempre la splendida donna di sempre!!
…solo che ora devi imparare a conoscere il tuo “nuovo” corpo ed interpretare e capire i suoi cambiamenti e dedicare attenzione solo a questo, non al concetto di menopausa!

“Passiamo da una fase di stabilità verso un nuovo equilibrio, verso un diverso rapporto con noi stesse e con il mondo”

Concordo con te che affrontare i sintomi di questi cambiamenti possa essere destabilizzante.
Ci ritroviamo ad avere a che fare con

  • Vampate di calore
  • Sudorazione eccessiva
  • Aumento di peso, perché il metabolismo rallenta
  • Osteoporosi
  • Ipertensione
  • Ansia
  • Irritabilità
  • Assottigliamento dell’ epidermide

ma è tutto gestibile!
Ora ti do qualche piccolo ma importante consiglio. 🙂

Rimedi per contrastare i sintomi della Menopausa

Negli articoli Perdere peso in Menopausa e Perdere peso a 50 anni ti ho spiegato dettagliatamente come perdere peso in menopausa con esempi di menù giornaliero, come modificare la tua alimentazione affinchè tu non aumenti di peso (dovuto semplicemente al rallentamento del metabolismo che questa fase comporta naturalmente) e come affidarti alla Fitoterapia e ai rimedi naturali per contrastare i sintomi e sentirti nuovamente magnifica e in ottima forma!

Oggi voglio approfondire con te quanto può essere importante introdurre nel tuo

La soia

Alimentazione in menopausa

La soia è uno degli alimenti con la più alta concentrazione di isoflavoni e fitoestrogeni i quali hanno la fondamentale funzione di regolare la produzione ormonale corporea.
Questo effetto di equilibrio è particolarmente utile per le donne che desiderano

  • sia assicurarsi un corretto e regolare equilibrio ormonale,
  • sia un naturale aumento del seno, poiché gli isoflavoni della soia stimolano naturalmente la produzione di estrogeni ‘buoni’ che si legano alle cellule dei recettori della ghiandola mammaria contribuendo così allo sviluppo sano del seno.

Gli isoflavoni della soia bloccano anche la ricezione di estrogeni pericolosi e cancerogeni di origine chimica, aiutando così a proteggere il seno (e il corpo in generale) dai rischi di tumori.

Questo legume quindi può diventare un prezioso alleato contro i sintomi menopausali, come ad esempio le vampate, con il quale possiamo coadiuvare le terapie ormonali atte a combattere appunto i problemi della menopausa.

Da non sottovalutare nemmeno l’azione preventiva per le donne in fase di pre-menopausa che desiderano prepararsi al meglio a questo passaggio.

La soia ha proprietà benefiche anche contro l’osteoporosi: non a caso è strato riscontrato che le popolazioni orientali, dove il consumo di soia è molto più importante rispetto ai paesi occidentali, hanno minore incidenza di osteoporosi.

Uno studio condotto da Department of Food Scienece and Uman Nutrition, Human Metabolic Unit, Center for Designing Foods to Improve Nutrition,ato  Department of Statistics, Iowa State University, Ames; Research and Development Laboratory, Fujico Co Ltd, Kobe Hyogo, Japan e pubblicato su Am J Clin Nut nel Settembre 2000, ha portato alla conclusione che

“gli isoflavoni di soia attenuano la perdita ossea nel tratto lombare della colonna vertebrale nelle donne in peri-menopausa.”

Pertanto, mie care amiche, consiglio caldamente (se già non lo fate) di imparare ad introdurre nella vostra alimentazione la Soia!

Quando acquisti la soia, leggi bene le etichette

La Soia biologica certificata è assolutamente priva di OGM!
Se invece si compra soia non biologica occorre leggere davvero bene le etichette. Attualmente l’indicazione sulla presenza di OGM sull’etichetta è obbligatoria per i prodotti che hanno un contenuto di OGM superiore allo 0,9%.
Il regolamento CE fissa le norme di tolleranza della presenza accidentale o tecnicamente accidentale di OGM.
Per cui anche gli alimenti derivati da OGM, destinati al consumo finale o ai fornitori di alimenti per la collettività, devono riportare in etichetta la dicitura relativa alla presenza di OGM.
Comunque la soia che sembra l’unico alimento al mondo a rischio di OGM non è invece il solo.
L’industria alimentare italiana utilizza circa 4 milioni di tonnellate di farina di soia ogni anno per produrre mangimi per animali.
A rigor di logica se l’85% dei mangimi italiani per animali usano soia e mais geneticamente modificati, anche carne, latte, formaggi che si comprano e si consumano ogni giorno sono prodotti da animali con OGM.
Per essere certi di consumare prodotti NO OGM bisognerebbe comprare solo prodotti bio certificati.

In quali alimenti possiamo reperire la soia?

Innanzitutto assicuriamoci che i prodotti che stiamo acquistando contengano Soia biologica certificata, ciò risulta di fondamentale importanza in modo da non rischiare di incappare in prodotti OGM.

Un ottimo prodotto è il latte di soia, che possiede anche il grande vantaggio di essere ben assimilato da chi non tollera il latte vaccino.
Il latte di soia, inoltre, è ricco in ferro ed in vitamine del gruppo B e grazie alla presenza di lecitina può contribuire notevolmente ad abbassare i livelli eccessivi di colesterolo e trigliceridi nel sangue.
Il contenuto di soia nel suo latte varia da produttore a produttore.
Vediamo ora quali possono essere altri derivati della soia utili come fitoestrogeni perchè ricchi di isoflavoni.

TOFU

Dieta in menopausa

E’ delicato coagulo ottenuto dalla soia facendo addensare latte di soia fresco bollente con un coagulante.
Ha un elevato contenuto proteico ed è ricco di sali minerali come ferro e magnesio.
E’ disponibile come prodotto duro o morbido ed anche come prodotto cremoso (scxilken tofu), che assomiglia alla crema pasticcera.

TEMPEH

Alimentazione in menupausa

E’ un dolce a base di soia fermentata, poco noto in Occidente, ma molto utilizzato nella cucina orientale.
Il suo contenuto nutrizionale lo rende una delle maggiori fonti vegetali: 100 grammi di tempeh cotto contengono infatti 18,2 grammi di proteine.
Le proteine di soia ristrutturate sono denominate anche proteine vegetali ristrutturate o TVP.
Versate 7-8 tazze di acqua bollente sopra 1 tazza di TVP secche per ottenere un sostituto della carne macinata in molte ricette.

SHOYU (salsa di Soia)

Alimentazione in menopausa ricette

Si ottiene dalla fermentazione dei semi di soia con frumento tostato, acqua, malto, sale e lievito ed molto usata nella cucina giapponese.
Può essere usata per insaporire il riso, il pesce, le verdure e le zuppe.

Oggigiorno gli scaffali dei supermercati abbondano di pane, crackers, crostini, fette biscottate, biscotti e merendine alla soia e anche pasta di diversi formati.

I Fotoestrogeni NON sono presenti nella salsa di soia, nell’olio di soia e nei cibi industriali contenenti soia.

Impara a consumare la Soia in tutte le sue forme!
Prova ad inserirla nella tua dieta per assaporarne il gusto delicato unito ai benefici per la tua salute!

I vegetali più ricchi di fitoestrogeni in menopausa

Come già sai, durante la menopausa la produzione di estrogeni diminuisce notevolmente creando un vero e proprio squilibrio ormonale che è la causa dei sintomi e di possibili malattie future.
I fitoestrogeni, come ti ho già detto all’inizio di questo post, sono ormoni vegetali che funzionano come regolatori: integrano gli ormoni prodotti dall’organismo quando questi scarseggiano, come accade in menopausa.
Questo effetto aiuta a contrastare l’insorgere di tumori al seno e altre malattie di natura ormonale come osteoporosi e osteomalacia.
L’assimilazione di questi fitoestrogeni è comunque soggettiva e legata a caratteristiche fisiologiche personali come la flora intestinale e il potere d’assorbimento dei villi dell’intestino.

E’ importante conoscere anche gli altri alimenti, oltre alla soia e i suoi derivati, ricchi di fitoestrogeni.
Li puoi trovare in:

Legumi

  • i piselli
  • i ceci
  • le lenticchie
  • i fagioli

Cereali

  • il grano integrale
  • il riso integrale
  • l’orzo

Sempre rigorosamente biologici!

Semi oleosi

  • di sesamo
  • di lino
  • di girasole
  • di zucca

Verdura

  • le crucifere come cavolfiore, cavolo verza, cavoletti di bruxelles, cavolo cappuccio, cavolo nero, cavolo riccio e broccoli.
  • il trifoglio rosso
  • il trifoglio
  • le erbe aromatiche, in primis la salvia
  • il finocchio
  • le patate (che in realtà sono amidacei)

Frutta

  • i mirtilli rossi
  • i mirtilli neri
  • le fragole
  • le ciliegie
  • i lamponi

 

Bene mia cara amica,
spero tanto di averti rassicurata nell’affrontare questo naturale cambiamento del corpo…stai assolutamente tranquilla!!
Non è una tragedia ed è possibile gestirlo al meglio continuando a sentirti in piena forma, energica e in ottima salute.

Ti abbraccio fortissimo e ti aspetto al prossimo articolo!

Cinzia

Condividi
Cinzia Tarchini
Naturopata Nutrizionista Diet Coach, Esperta in Dimagrimento e Nutrizione. Autrice del metodo per Dimagrire "PerdiPesoConMe!". Cinzia Tarchini ha fatto della Naturopatia e della Nutrizione non solo il suo lavoro, ma il suo punto di riferimento per la vita quotidiana. “Alimentarsi in modo corretto non solo previene la malattia, ma genera salute e un senso di benessere fisco e mentale. E il cibo può essere una vera e propria medicina”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here