Buongiorno!
In questo articolo scoprirai un rimedio naturale per la ritenzione idrica, le cause che la scatenano e i miei consigli fondamentali che ti aiuteranno a combatterla.

Cos’è la ritenzione idrica?

Questo disturbo è piuttosto diffuso in tutto il mondo e colpisce milioni di persone, soprattutto, ahimè…:-(, noi donne: in Italia si stima che ne siamo colpite per oltre il 30%!
Con il termine ritenzione idrica, in medicina, viene generalmente definita la tendenza a trattenere il liquidi nell’organismo.
Questo ristagno di fluidi è generalmente superiore nelle zone predisposte all’accumulo di grasso (addome, cosce e glutei), in particolare nel sottocute e nella pelle e in termine medico viene definito Edema.

Le cause della ritenzione idrica

Sono moltissime le cause che lo possono determinare:

  • malattie del sistema linfatico: in questo caso se non curato in tempo, porta a scatenare vere e proprie malattie della pelle come macchie (dette “discromie”), infiammazione cronica (che è alla base della cellulite), inspessimento e indurimento dei tessuti (detto “Linfedema“)
  • delle vene
  • del cuore
  • dei reni
  • del fegato
  • fumo
  • assenza di attività fisica
  • fattori genetici ed ormonali
  • problemi alla ghiandola tiroidea
  • abuso di alcool
  • farmaci
  • fibromialgia
  • intolleranze alimentari

Ma esiste anche un altro tipo di edema, che non riflette gravi malattie organiche.
Si tratta semplicemente di un fenomeno dovuto a fluttuazioni dei livelli ormonali legati a

  • ciclo mestruale
  • menopausa
  • gravidanza
  • stress eccessivo
  • alimentazione ricca di sale e grassi saturi

Uno scarso introito di acqua determina ritenzione idrica!

Non è un paradosso e cercherò brevemente di svelartene i motivi.
Ma andiamo con ordine per cercare di capire meglio i meccanismi che favoriscono la formazione della ritenzione idrica.
Una volta che sono state escluse tutte le cause organiche di edema e che possano essere correggibili con un’adeguata terapia, vuol dire che si accumula del liquido nel sottocute perchè il sistema linfatico non funziona a dovere!

Ritenzione idrica la cura è nell'acqua

Che cos’è il sistema linfatico?

E’ una rete articolata di minuscoli vasi capillari sottocutanei che consentono alla linfa di fluire nei tessuti corporei, drenando ogni angolo dell’organismo prima di riversarsi nelle vene toraciche.
Questo sistema, parallelo a quello cardio-circolatorio, si oppone ad eccessivi accumuli di fluidi nei tessuti ed è considerato la miglior difesa del nostro organismo.
Lungo le vie linfatiche ci sono i linfonodi, che producono i linfociti, speciali globuli bianchi deputati all’eliminazione dei microrganismi indesiderati.
Il sistema linfatico è paragonabile a una stazione di drenaggio: raccolglie l’acqua in eccesso, la drena verso i linfonodi e da qui la dirige nuovamente al sangue, quindi ai reni dove viene eliminata con le urine.
La quantità di questi capillari e il loro corretto funzionamento garantiscono una corretta idratazione senza che ci sia accumulo o carenza di liquidi.

Spesso il tessuto sottocutaneo delle donne è più carente rispetto a quello degli uomini di capillari linfatici, per questo la ritenzione idrica colpisce più il gentil sesso che gli uomini!
Inoltre le variazioni dei livelli di ormoni estrogeni e progestinici, legati al ciclo mestruale, alla gravidanza o alla menopausa, possono determinare una difficoltà di drenaggio dei liquidi da parte dei capillari linfatici.

Ritenzione idrica cause e rimedi

Come ridurre o prevenire la ritenzione idrica?

Il metodo più efficace e semplice è equilibrare la dieta!

Acqua

In particolar modo, continuando a mantenere una corretta idratazione, bevendo tantissima acqua!
Normalmente si consiglia di seguire la regola dell’8: bere almeno otto bicchieri di acqua al giorno (circa 1,5 – 2 l).
Questa quantità di liquidi è quella necessaria alla maggior parte delle persone per non sentire sete e avere urine giallo chiaro o limpide, segno diretto della loro corretta diluizione.
Più le persone svolgono attività fisica più è necessario bere acqua, tenendo in considerazione che tutti i liquidi contano, ma nessuno è sano e benefico come l’acqua.

Se bevi poca acqua o se ne perdi in eccesso, si innesta un meccanismo fisiologico che tende a trattenerla per poter meglio sopravvivere: in pratica i reni mandano un segnale di allarme al corpo che lo induce a risparmiare e trattenere ogni goccia d’acqua per evitare la disidratazione.
Non dimenticare che  un corpo povero d’acqua farà fatica ad avere la forza necessaria (cioè la pressione) per pomparla verso i reni: ecco perchè bere molta acqua favorisce il flusso linfatico, necessario al drenaggio dell’acqua!
Pensa ai vasi linfatici come alle condutture idrauliche domestiche: senza pressione esce poca acqua dal rubinetto e sporca, con una pressione adeguata si ha una normale erogazione di acqua pulita e cristallina.

Sale

Una Dieta Iposodica aiuta di certo a ridurre o risolvere il problema di ritenzione idrica, a maggior ragione se il tuo attuale regime alimentare è ricco di sale e snack salati.
L’eccesso di sale, viene interpretato dall’organismo come come carenza di acqua e non come eccesso di sale (quindi percepiscono uno stato di disidratazione del corpo e fanno innestare lo stesso circolo vizioso legato alla carenza d’acqua che abbiamo già visto poco fa).
Prova a ridurre drasticamente il sale, sostituendolo con aromi e spezie: scoprirai che anche senza sale i tuoi piatti potranno avere un gusto squisito ed appetitoso…e saranno più salutari!

Caffeina e l’alcool

Vanno ridotti drasticamente se non addirittura eliminati, perché contribuiscono alla disidratazione del tuo organismo.

Bevande zuccherate

Sono tutte bevande ipercaloriche: contribuiscono all’accumulo di tessuto adiposo, che ostacola il drenaggio dei vasi linfatici.

I Consigli del Dr. Stefano Rota

Il Dottor Stefano Rota, medico nefrologo dell’Ospedale Papa Giovanni, spiega così ai suoi pazienti perchè bere è importante nei confronti della loro ritenzione idrica e stasi linfatica:

“L’acqua attiva il nostro sistema linfatico, il più grande spazzino del nostro organismo, e che se ben funziona previene e cura ritenzione idrica, stasi linfatica e cellulite.
Senz’acqua il nostro sistema linfatico rallenta, ma non solo!
Quando beviamo poco il nostro organismo trattiene l’acqua che introduciamo bevendo o attraverso i cibi di origine vegetale in quanto è costantemente in “allarme idrico” cioè ha paura di restare senz’acqua da un momento all’altro. Quindi trattiene acqua e dà origine al fenomeno della ritenzione idrica che non è altro che l’anticamera della tua cellulite.
Quando invece beviamo abbondantemente, il nostro organismo non è più in allarme idrico e senza la paura di disidratarsi, lascia andare l’acqua “di troppo” dopo averla usata per ripulire il nostro corpo.”

Consigli edi privilegiar una dieta ricca di frutta e di verdura, soprattutto in estate, quando è più facile che il nostro corpo si disidrati.
Dal punto di vista fisico, il principale consiglio a cui attenersi è di effettuare una regolare attività fisica, che deve essere moderata e prolungata per almeno 20 minuti al giorno:

  • passeggiare
  • fare una pedalata senza troppo sforzarsi, evitando le ore calde della giornata.

I muscoli che si muovono drenano meccanicamente, come se fossero una pompa, i fluidi accumulati in eccesso nei tessuti (perchè forse non sai ma il sistema linfatico funziona, a differenza di quello circolatorio, per mezzo dei muscoli).
Muoversi stimola la circolazione, favorisce un buon controllo della pressione e quindi è un rimedio molto efficace contro la ritenzione idrica.

Per chi lavora tutto il giorno stando in piedi o seduto mantenendo la stessa posizione per più ore, un trucchetto da seguire, sarebbe quello di potersi riposare rimanendo sdraiati qualche minuto, tenendo le gambe sollevate almeno 30 cm dal piano.
Seguendo questi semplicissimi consigli, avrai dei tessuti elastici e sani!

La natura al riguardo della ritenzione idrica

Ritenzione idrica cure naturali

Eccomi felicissima a riportarti nel magico mondo della Fitoterapia: si mia cara amica, è una grandissima alleata anche per la ritenzione idrica!

Ecco alcuni consigli:

Tarassaco

I suoi molteplici principi attivi (Mannitolo, Inulina, principi amari, alcoli triterpenici, vitamine) conferiscono al Tarassaco proprietà diuretiche, drenanti.
Viene solitamente utilizzato per i decotti.

Ortica

Ricchissima di vitamine, tannini e fitosteroili.
Ha forti proprietà diuretiche.
Viene utilizzata per i decotti.

Rosa Canina

Contenendo tannini, polifenoli e carotenoidi e pectine, è utilissima come diuretico e per i calcoli renali.
Viene utilizzata in fiori essicati e macinati per preparare decotti.

Rusco

Contiene saponine steroidee, tannini, fitosteroli e resine.
Foglie e radici essicate per preparare decotti sono un ottimo drenante.

The verde

Utile non solo per dimagrire ma anche per drenare, grazie al suo contenuto di quercetina, saponine, teobromina, teofillina, catechine.

Betulla

Contenendo betullina, acido clorogenico, iperoside, acido caffeico, è utilissima sotto forma di tisane o tintura madre per cobattere ritenzione idrica e ristagno dei liquidi.

Equiseto

Sapinie, acido silicilico, tannini e alcaloidi contenuti nelle foglie, permettono di preparare infusi utili come diuretico.

Pilosella

Gli acidi polifenolici, l’acido clorogenico, le mucillagini, i tannini e il flavonoide luteoloside contenuti, la rendono un eccezionale diuretico.
L’assunzione è generalmente per mezzo della tintura madre.

Gramigna

E’ una pianta infestante ricca di agropinene, inositolo, mannitolo, triticina e saponine e, sotto forma di tisana, è utilissima come drenante e per il trattamento dei calcoli renali.

Tanti rimedi, tanti consigli per te, carissima lettrice che vuoi curare e risolvere il problema della ritenzione idrica!
Tutti utilissimi ed efficaci, ma ricorda sempre, in primissima linea e assolutamente essenziale…c’è l’acqua!

Al prossimo articolo!
Cinzia

Condividi
Cinzia Tarchini
Naturopata Nutrizionista Diet Coach, Esperta in Dimagrimento e Nutrizione. Autrice del metodo per Dimagrire "PerdiPesoConMe!". Cinzia Tarchini ha fatto della Naturopatia e della Nutrizione non solo il suo lavoro, ma il suo punto di riferimento per la vita quotidiana. “Alimentarsi in modo corretto non solo previene la malattia, ma genera salute e un senso di benessere fisco e mentale. E il cibo può essere una vera e propria medicina”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here